UN RECORD DI PRESENZE PER UN’ASSEMBLEA MOLTO PARTECIPATA

L’Assemblea dei Soci Hospes ha voluto, quest’anno, essere non solo il classico momento di confronto e aggiornamento sulle attività del Sodalizio e le iniziative messe in atto per valorizzare l’Istituto “Erminio Maggia” e il merito degli studenti che si sono distinti nel precedente anno scolastico, ma un’occasione speciale in cui l’utile si è unito al dilettevole in maniera sublime.

La prima novità è stata rappresentata dalle due giornate, a fronte della tradizionale singola, dedicate ad una serie di attività, ricche di nuovi propositi per il futuro.

Nel corso della prima, svoltasi venerdì 16 novembre, sono stati realizzati due differenti eventi in grado di coinvolgere sia gli Junior che i Senior.

È stata, infatti, perfettamente organizzata una riunione diretta dal Consigliere Alessandro Porrini per presentare un’importante iniziativa: il Gruppo H.  Gli studenti da poco diplomati (alcuni già Soci) si sono riuniti con i Soci Junior per fissare gli obiettivi principali da raggiungere nella creazione di un team unito e funzionale che metta in campo energie e idee nell’ottica delle Alte mete. Il saluto del Presidente Hospes, Prof. Riccardo Fava Camillo, e del Dirigente Scolastico, Prof.ssa Manuela Miglio, hanno dato il via ai lavori, svolti in un bellissimo clima di entusiasmo e condivisione che hanno portato concretezze operative: il Gruppo H (regolarmente costituito), sin da subito si rende disponibile per:

- supportare attivamente le iniziative dell’HOSPES e dell’Istituto, in qualsiasi modo e forma possa servire;

- organizzare progetti di orientamento in uscita a beneficio degli studenti delle classi quinte avendo all’interno membri che si stanno affermando con ottimi risultati nel campo lavorativo, professionale e universitario;

- amplificare la comunicazione dell’HOSPES tramite l’utilizzo dei social network in modo da renderla maggiormente fruibile, dinamica e giovanile, per poter raggiungere un maggior numero di potenziali iscritti e facilitarne la veicolazione.

Molto utile per i ragazzi è stata la possibilità di potersi confrontare e condividere idee e opinioni. A sancire l’aggregazione del nuovo Gruppo H non è mancato il momento conviviale: a conclusione della serata è stata infatti organizzata una festa con un open bar e Deejay set.

È stato un momento di conoscenza fra i giovani Soci e un’occasione per ritrovare compagni di anni passati con cui si è condiviso il percorso di studi.

Nello stesso momento i Soci Senior, dopo essere stati come sempre splendidamente accolti all’Hotel La Palma, degustavano una cena, il Dinner dell’Amicizia, presso il Ristorante Lo Stornello, per poi recarsi presso la Chiesa parrocchiale dei “Santi Ambrogio e Theodulo”, grazie alla squisita ospitalità di Don Gianluca Villa ad assistere al Concerto per HOSPES organizzato dai coniugi Annamaria Roncari e Luciano Marchisio rispettivamente Revisore dei conti e Consigliere.

I maestri Cihat Askini, il più riconosciuto violinista turco e Roberto Issoglio, pianista di fama internazionale, interpretando opere di:  Wolfgang Amadeus Mozart,  Franz Schubert, Ludwig van Beethoven, hanno fatto vivere emozioni uniche, regalando a detta di tutto il pubblico presente “un concerto di altissimo livello, con qualità interpretative uniche”.

Il giorno successivo, il 17 novembre, si è svolto l’appuntamento assembleare; 87 Soci (record assoluto “dell’era moderna”), tra i quali molti Soci Junior hanno gremito la sala conferenze “Albano Mainardi”.

Dopo l’impeccabile benvenuto da parte degli studenti del corso di Accoglienza Turistica, sotto la guida della Prof.ssa Maria Lucia (Socio) e del Dirigente Scolastico, Prof.ssa Manuela Miglio (Socio), suggella il momento la declamazione del Codice d’Onore” da parte degli Hospes Junior, i dieci “rac-comandamenti” dei nostri Padri Fondatori Cav. Guido Maggia e Prof. Albano Mainardi.

Si dà inizio così ai lavori condividendo con i Soci la relazione del Consiglio di Amministrazione in merito al 63° esercizio sociale comprendente; il bilancio consuntivo al 30 giugno 2018, la relazione sulla gestione del 63° esercizio, il bilancio preventivo 64° esercizio sociale e la relazione del Collegio Sindacale. A tale proposito si segnala l’intervento della Dott.ssa Annamaria Roncari, membro del Collegio Sindacale, costituito dalla stessa insieme ai Dott.ri Renzo Colombo (Presidente) e Stefano La Placa (membro effettivo). Il Collegio collabora con l’Associazione con estrema professionalità e attesta che “l’attività svolta da HOSPES rispetta lo Statuto ed è indirizzata al perseguimento degli scopi istituzionali volti al miglioramento ed al progresso delle attività relative all’industria alberghiera promuovendo gli studi ad essa inerenti ed appoggiando lo sviluppo dell’Istituto “Erminio Maggia” nelle sue necessità tecniche, didattiche ed assistenziali, senza fini di lucro”.

Particolare attenzione merita il supporto di HOSPES ad eventi ai quali l’Istituto ha partecipato, tra i quali: “Le Buone Stelle” i dinners gala foundraising con gli Chef Antonino Cannavacciulo e Marco Sacco; la partecipazione a  “L’Artigianato in fiera”, in collaborazione con Alto Piemonte Turismo;  la tre giorni dedicata al “Festival del Giornalismo Alimentare” a Torino; la presenza al “Convegno Ospitalia” presso Levico Terme, con l’esposizione “Il Potere delle Immagini - Una didattica del vedere”, le belle riproduzioni delle “Tavole del Capitano Ricci”; il progetto “Training”, importante sostegno al servizio di accoglienza e gestione degli Ospiti in visita all’Istituto.

Una menzione speciale va anche agli impegni finanziari dell’’HOSPES a favore di interventi strutturali necessari per il buon funzionamento delle attività scolastiche, che ha così sostituito, in parte, gli Enti preposti non più in grado di sostenere tali spese.

Durante l’Assemblea viene dedicata un’importante parentesi sul futuro del nuovo complesso scolastico: attraverso uno storytelling il Presidente ripercorre le tappe della “brutta storia” che dura da 36 anni: sarcastico il paragone temporale con il popolo d’Israele che per 40 anni vagò nel deserto prima di trovare la Terra Promessa. Diversi e accorati gli interventi degli astanti, in primis del Signor Angelo Colombo, Presidente e parte molto attiva del Comitato Genitori, il quale riferisce in merito ad un incontro con il Prefetto durante il quale sono state fatte presenti le criticità della proposta del Sindaco di Stresa di collocare le aule tutt’ora mancanti presso il Collegio “Rosmini”, evidenziando l’urgenza di un intervento che riporti la situazione che gli studenti stanno subendo alla normalità. Il Prefetto ha dichiarato la massima disponibilità ai fini di trovare una soluzione in accordo con il Comune di Stresa e con la Provincia del VCO. Segue il contributo del Dott. Francis Morandi (Socio), esperto di economia e autore di diversi libri di settore, affermando che l’Istituto è un patrimonio e per Stresa, e tenendo conto dell’alta vocazione turistica della città, si potrebbe pensare di realizzare presso il Collegio “Rosmini” un campus e, allargando gli orizzonti, si potrebbe creare un master internazionale del turismo in collaborazione con importanti università e organizzare un forum internazionale del turismo.

Puntuale è l’analisi del Professor Giovanni Pessano (Socio per anni docente di contabilità presso l’Istituto). Partendo dal presupposto che nelle attuali condizioni la Provincia troverà pochi imprenditori disposti a concorrere per la costruzione del nuovo edificio scolastico e che potrebbe incappare, come già accaduto, in imprenditori di poco scrupolo che agirebbero con obiettivi nascosti e non dichiarati, sostiene che per uscire da questa situazione sarebbe opportuno la creazione di un consorzio di imprese del territorio. Ciò avrebbe due enormi vantaggi da non sottovalutare: il consorzio prenderebbe sicuramente a cuore il problema della Scuola e potrebbe sopperire a momentanee necessità finanziarie.

Le parole del professor Pessano vengono definite “musica” da Umberto Michetti (Consigliere), il quale denuncia la mancanza di volontà da parte del Comune di Stresa di occuparsi della Scuola. Le parole del Sindaco di impegnarsi per la costruzione del nuovo edificio sono continuamente smentite dai fatti. La “Scuola di Stresa” che ha un nome all’estero pari alle principali aziende italiane, deve necessariamente avere la sede che merita, a Stresa o altrove. Non si può pensare di aver combattuto trentasei anni per un nulla di fatto.

Complimenti vivissimi arrivano da Guglielmo Kuhn (Socio), Consigliere delegato di Alto Piemonte Turismo, per il magistrale recupero dell’edificio ex Scuole elementari di Baveno, ora sede del corso “Tecnico per il Turismo” dell’Istituto “Erminio Maggia”. Essa rappresenta una piccola ribellione da parte di tutta la popolazione scolastica e la volontà di prendere in mano la propria sorte a fronte di coloro che, in carica da decenni, non hanno fatto e continuano a non fare nulla. La nuova sede è fonte di entusiasmo e di ottimismo ed è la manifestazione dello spirito di iniziativa italiano che ha animato il Paese da sempre. Bisogna partire da qui, bisogna tenere conto dell’amore che gli alunni dimostrano per questa scuola e non perdere la fiducia necessaria al raggiungimento dei risultati. Che sia a Stresa o da altre parti conta poco, questo Istituto è già un marchio di qualità. Alessandro Porrini (Consigliere) evidenzia le ricadute negative sugli studenti, rendendo la loro preparazione difficoltosa, in ragione delle oggettive carenze della struttura. Si registra l’amareggiato appello della Prof.ssa Angela Bonfante (Vicario del Preside e Socio) affinché si operi con urgenza. Prendendo spunto da tali riflessioni, il Dirigente Scolastico riporta le parole del Direttore dell’Ufficio Scolastico territoriale, Dott. Franco Francavilla: “la scuola è un oggetto fragile, bisogna maneggiarla con cura perché si può rompere”. Molti studenti fanno grossi sacrifici, non solo economici, perché hanno la volontà e l’entusiasmo di frequentare proprio questo Istituto, è ovvio che se le difficoltà dovessero aumentare una buona percentuale di loro sarà costretta a rinunciarvi, non potendo così veder realizzato il loro desiderio. Questo vuol dire rompere l’oggetto fragile, pensare alla scuola come comunità di ragazzi da salvaguardare e da formare affinché diventino i bravi cittadini e i professionisti di domani.

Un ultimo accorato e ragionato contributo al dibattito viene dal Socio storico Giordano Riboni, il quale, seppur a malincuore, considera la possibilità di collocare la costruzione del nuovo edificio scolastico anche fuori Stresa una volta esplorate tutte le possibilità all’interno del Comune.

Tutte le considerazioni vengono fatte proprie da tutti i Soci, compresa quindi la possibilità di una rilocalizzazione della Scuola oltre i confini di Stresa: non si può continuare ad essere ostaggio della non volontà del Comune.

Conclusi i lavori assembleari si passa alle Alte Metecon la premiazione da parte del Dirigente Scolastico dei maturandi (Soci Hospes Junior) dell’anno scolastico 2017-2018 che si sono distinti per merito: per il corso di Accoglienza Turistica Simone Mora e per il corso Tecnico per il Turismo Alessia Basilio. A ciascuno è stato donato un tegamino, realizzato dalla celeberrima Azienda Alessi S.p.A., ribattezzato “Tegamino Gozzi” proprio perché realizzato con la collaborazione dal Past Presidente Alberto Gozzi, il quale ha voluto che vi fosse inciso il motto dell’HOSPES: Non Perder l'Ora.  Al Presidente Gozzi viene dedicato un affettuoso ricordo per l’impegno profuso nella sua attività.

E’ il momento dell’e-book Hospes. Il Direttore Renato Andreoletti, dedica il suo intervento agli studenti che compongono la Redazione: si tratta di un’esperienza molto esaltante perché gli studenti sono motivati e cominciano a sentire propria questa rivista. Il lavoro che si cela dietro questa squadra è un’esperienza di vita, oltre che pedagogica e didattica, che coinvolge adulti e adolescenti. Permette infatti ai “grandi” di confrontarsi con le nuove generazioni e ai “piccoli” di assumersi importanti responsabilità. Il rapporto impostato con la Redazione è infatti quello fra professionisti, così Andreoletti definisce gli allievi, la cui bravura è emersa anche nel talk show realizzato dagli stessi, in occasione della presentazione dell’e-book presso il Circolo dei lettori di Torino lo scorso ottobre. Pioniere anche in questo settore, l’Istituto “Erminio Maggia” è l’unica scuola d’Italia ad avere un house organ di livello professionale.

Il Direttore Andreoletti ha inoltre profuso parole a difesa della “Scuola di Stresa” nell’editoriale, di “Hotel Domani” rivista leader del settore “La scuola alberghiera di Stresa. Salvate Stresa”. Tra coloro che hanno commentato l’articolo anche il famoso Chef Alfonso Iaccarino (Socio): “Caro Presidente, sono stato con voi negli anni sessanta, il più bel periodo della mia vita. Mi ha formato per affrontare il percorso professionale che mi ha reso famoso nel mondo, dove ho portato avanti la cultura gastronomica della mia Italia. Oggi sono deluso e quasi mi dispiace esserne cittadino. Il Tricolore che ho sempre amato è in fase decadente e senza entusiasmo. Non è possibile che avvengano queste cose nella Regione più progredita d’Italia. Voglio che la mia grande amarezza sia espressa a tutti i responsabili di questo scempio”.

Si passa quindi alla formalizzazione ufficiale della Borsa di studio “Grandi Educatori Arturo Palaoro, Vincenzo Palmulli”, dedicata a Due grandi signori silenziosi che hanno accompagnato, insegnando professione e vita, tante generazioni di studenti della “Scuola di Stresa”.  Alla presenza delle rispettive famiglie la borsa di studio-lavoro viene compiutamente descritta: il valore di € 1.000,00, andrà al miglior studente o studentessa (Socio Juinior) del corso “Laboratorio dei servizi di ricettività alberghiera” o di “Tecnico per il Turismo” che si diplomeranno nell’anno scolastico 2018-2019. Il contributo sarà accompagnato dall’assunzione presso un delle strutture cinque stelle lusso del Maybourne Hotel Group in Londra.

In conclusione un caro saluto viene dedicato a Giampiero Gavinelli (Socio) allievo di ieri e grande Chef premiato quale “Alberghiero dell’anno” dall’Associazione “Armeno Alberghieri Amicizia”, ed un affettuoso ricordo all’Amico Daniele Preda per anni docente dell’Istituto e Consigliere HOSPES.

La “due giorni” termina con il Cocktail dell'Amicizia presso la sala ristorante, elegantemente allestita dalla Prof.ssa Silvia D’Ilario (Consigliere), dal Prof. Gerlando Onolfo (Socio) insieme agli studenti del corso “-Sala e vendita”, dove hanno degustato un ricco buffet, preparato con cura dal Prof. Roberto Abbondio (Consigliere) insieme agli allievi del corso di “Enogastronomia”.

  • Albo pretorio d'Istituto
  • Albo RSU - Comunicazioni sindacali
  • Consulta i bandi nell'Albo Pretorio
  • Open days Istituto Alberghiero Maggia
  • Scuole VCO
  • Iscrizioni Istituto Alberghiero Maggia Stresa
  • Sito web del Comitato Gentori
  • Progetto Interreg - Vai al sito
  • Albo pretorio d'Istituto
  • Albo RSU - Comunicazioni sindacali

Area Genitori

Consultazione voti allievi, assenze, comunicazioni scuola-famiglia...

Accedi

Area Docenti

Link a Valutaweb, al Caffè del Maggia, download moduli, circolari...

Accedi